Menu

TestimonianzeGruppi Missionari del Focolare della Madre

Prima di conoscere il Focolare, avevo sentito dire che un gruppo di ragazze della mia università faceva un viaggio ogni anno in Ecuador e trascorreva alcuni giorni facendo del lavoro missionario con una comunità di suore. Da quel momento sempre avrei voluto andarvi. Credo sia un desiderio che il Signore mise nel mio cuore, e che divenne realtà! Spero di non dimenticare mai le molte grazie che lì ricevetti. Quando apri il tuo cuore un po’, il Signore dà veramente in abbondanza.

rachel-newton1Una delle prime cose che notai subito fu la differenza radicale tra la vita di lì e quella degli Stati Uniti. La gente dell’Ecuador ha molto meno di noi, almeno per quanto riguarda i beni materiali. Le suore ci raccontavano che il salario medio è di 8$ al giorno, molti bambini delle città più povere non ricevono un’alimentazione adeguata e le condizioni degli ospedali sono molto cattive. Ma è molto diverso sentire parlare di queste cose quando sei comodamente negli Stati Uniti, rispetto a quando vedi queste sofferenze proprio davanti a te. Per me è stato come ricevere uno schiaffo. Per essere sincera, mi vergognavo di aver vissuto gran parte della mia vita senza pensare mai a coloro che hanno meno di me; o forse avevo pensato a loro, ma non avevo mai lasciato che toccassero la mia vita. Non ci avevo mai pensato su due volte prima di buttare via del cibo o di comprare più di quanto avevo veramente bisogno. Ho visto come avevo dato per scontato il fatto di avere cibo sulla tavola, una casa in cui vivere, una buona famiglia, la fede.

Ciò che importa è come uno risponde, una volta che ha riconosciuto ciò che gli è stato dato e una volta che ha visto le sofferenze degli altri. Qual è la risposta corretta? Generosità! Dare di te stesso. È riconoscere quanto ti è stato dato e quanta responsabilità hai di dare in cambio e di vivere la tua vita per gli altri. Non siamo qui solo per noi! Persino se sei una persona che apparentemente vive una buona vita cristiana, frequentando i sacramenti, evitando il peccato, pur così puoi star vivendo per te stesso. Ci è stato dato molto, e per questo abbiamo la responsabilità di rispondere cercando intensamente la volontà di Dio nella nostra vita e facendo il possibile per compierla. Egli sa qual è il miglior modo affinché ci doniamo e, se veramente lo desideriamo, ce lo mostrerà. Donarti nel modo che tu vuoi, e non nel modo che Dio vuole, non è veramente donarti. Dobbiamo essere molto, molto riconoscenti e mostrare questa gratitudine con il modo in cui viviamo.

rachel-newton2Un’altra cosa mi impressionò molto: la gioia della suore, delle candidate e dei giovani. Era contagiosa! Sembra impossibile che potessero essere così gioiose in mezzo a tutta la sofferenza che si fa presente continuamente. Alla fine di ogni giorno erano esauste, ma pur così continuavano ad essere gioiose. Pur avendo ben poco sono gioiose. Da dove viene loro questa gioia? La risposta è ovvia: dall’amore. Trascorrono la giornata donandosi, svuotandosi per amore verso Gesù, e questo dà loro una gioia che nessuno può togliere loro. Il loro centro è Cristo, non loro stesse. Mi ha fatto pensare: “Perché non viviamo tutti allo stesso modo? Perché voglio che qualcuno viva in modo diverso?”. E chiunque può vivere così, ovunque si trovi, qualunque sia la situazione in cui Dio l’ha posto. È vergognoso se scegliamo di non farlo, perché allora stiamo perdendo molto, ci stiamo perdendo la pienezza che Dio vuole darci.

Spero di non dimenticare mai le cose che ho imparato quando sono stata in Ecuador, fu una settimana così corta! Se stai leggendo questo e hai l’opportunità di fare qualcosa di simile, se ha l’opportunità di uscire da te stesso e di ottenere una nuova prospettiva, per favore, approfittane! Ne vale la pena! Riceverai molto di più di quello che dai. Non farti scappare l’opportunità!”.

Suor Clare

Hermana Clare

Sentivo il cuore ardermi dentro

Suor Virginio Mwasu (Tanzania): Spero che, dopo aver visto questo documentario, possa iniziare ad essere una persona diversa.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok