Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Pellegrinaggio a Quito

banner peresiervoslargo

Pellegrinaggio di ragazzi a Quito (Ecuador), dal 24 al 26 maggio 2019.

noticia siervospere1

Dal 24 al 26 maggio noi ragazzi del Focolare della Madre della Gioventù (HMJ) del Manabí siamo stati in pellegrinaggio a Quito. Durante il mese di maggio abbiamo deciso di fare icone del Focolare in legno per venderle e raccogliere fondi per andarci.

Mentre eravamo alla ricerca di una data di vacanza o di un ponte per realizzare questo pellegrinaggio ci si presentò l’opportunità di realizzarlo il venerdì, 24 maggio (giorno della Battaglia del Pichincha), festa civile dell’Ecuador. Uno dei propositi del pellegrinaggio, visto che il mese di giugno era vicino, era promuovere la devozione al Sacro Cuore di Gesù con i giovani e iniziare a realizzare i nove primi venerdì del mese per ottenere le sue promesse. Di fatto, le date erano molto provvidenziali e solo qualche settimana prima ce ne siamo resi conto. Il giorno in cui siamo partiti era la Festa di Maria Ausiliatrice e abbiamo affidato il nostro pellegrinaggio alla Madonna. E la domenica era la festa niente meno che di Santa Marianna di Gesù di Quito! Che benedizione!

Il 23 maggio noi, ventun ragazzi, abbiamo dormito nella Parrocchia di Riochico, da dove siamo partiti alle 3 del mattino del venerdì 24 per Quito in un pullmino e un camioncino. Dopo quasi sette ore di viaggio siamo arrivati a casa della Famiglia Auz (amici del Focolare) dove gentilmente ci hanno accolto nel migliore dei modi. Una volta scaricati i bagagli e le provviste abbiamo fatto una partita a pallacanestro fino all’ora di pranzo. Nel pomeriggio ci siamo incamminati verso il centro storico di Quito alla ricerca di una Messa, che abbiamo tenuto nel Monastero di San Francesco.

noticia siervospere2

La mattina del giorno seguente, sabato 25 maggio, ci siamo diretti al Santuario della Vergine del Quinche (Patrona dell’Ecuador) dove i ragazzi si sono confessati e hanno fatto adorazione. Nel pomeriggio siamo tornati nel centro storico dove abbiamo pranzato e abbiamo visitato alcune chiese prima di andare a Messa. Lungo il nostro percorso siamo passati dalla Cattedrale di Quito dove fu assassinato Gabriel García Moreno. Lì nella piazza ci siamo imbattuti in una signora protestante che predicava con la sua Bibbia in mano davanti alla Cattedrale gridando bestemmie contro la fede. Quindi abbiamo deciso di fare qualcosa al riguardo e di difendere la nostra fede. Uno dei ragazzi ha preso la chitarra e ha iniziato a cantare canti alla Vergine e al Signore. Alla fine abbiamo gridato: “Viva Cristo Re, viva la Vergine!”, e qualcuno degli spettatori che erano seduti vicino applaudiva e ci ringraziava.

Dopo ci siamo diretti al convento del Carmen Alto. Abbiamo suonato alla porta delle Carmelitane e abbiamo chiesto udienza con loro, però ci hanno detto che non potevano perché la nostra visita coincideva con quella del nuovo Arcivescovo di Quito, Mons. Alfredo Espinoza. La portinaia ci ha detto che potevamo fare una visita alla Chiesa dove si trovavano le reliquie di Santa Marianna di Gesù, dato che era la vigilia della sua festa, ma non si era resa conto che le porte della Chiesa erano chiuse. Per non perdere tempo ci siamo seduti davanti alla porta della Chiesa e abbiamo tenuto una riunione su Santa Marianna di Gesù. Dopo, quando stavamo per andarcene senza essere potuti entrare a venerare le reliquie della Santa, ci siamo decisi a cantare canti alla Vergine Maria, e, nel finire l’ultimo canto, le porte si sono aperte e siamo potuti entrare. I ragazzi prima del viaggio avevano delle intenzioni personali e grazie da chiedere al Signore e le hanno affidate alla Santa. Dopo questa lunga giornata piena di grazie, siamo ritornati a casa a cenare e a vedere un film sulla Madonna.

La domenica 26 maggio, festa di Santa Marianna di Gesù, siamo andati di nuovo nel centro storico e abbiamo partecipato alla Messa nella Chiesa della Compagnia di Gesù, che la Santa frequentava e abbiamo pregato ai piedi delle sue reliquie. Poi abbiamo visitato l’Immagine della Vergine del Buen Suceso la quale viene esposta solo due volte l’anno, a febbraio e nel mese di maggio. Dopo siamo andati a visitare la Basilica del Voto Nazionale, costruita durante il governo di Gabriel García Moreno e dedicata al Sacro Cuore di Gesù, e abbiamo pregato davanti ai resti dell’ex presidente. Infine siamo tornati a casa per recuperare i bagagli e per congedarci dalla famiglia Auz, molto grati per le loro attenzioni. Di ritorno a casa eravamo infiammati d’amore verso il Sacro Cuore e pieni di entusiasmo per ottenere le Sue promesse. Speriamo di arrivare alla meta!

- Carlos Javier, FMG

Suor Clare

Hermana Clare

Suor Clare e i cristiani perseguitati

Karolina Vera : Sr. Clare stava vivendo come una vera cristiana, morendo ai suoi gusti e desideri. Mi disse che avevamo una grande...

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok