Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Pellegrinaggio a Verona e Vicenza

vicenza larga

Pellegrinaggio con ragazze a Verona e Vicenza (Italia), 29 settembre 2019.

vicenza1

Domenica 29 settembre abbiamo avuto la grazia di andare in pellegrinaggio al Santuario dedicato a Santa Teresina del Bambin Gesù a Verona gestito dai Padri Carmelitani scalzi.

Alle 8.30 del mattino, dopo esserci affidate a nostra Madre affinché Lei ci guidasse e ci accompagnasse tutto il giorno, noi, un gruppo di dieci ragazze dagli undici ai tredici anni e quattro Serve, siamo partite da Brignano per Verona, dove ci aspettava la Santa per riversare una pioggia di grazie su ognuna di noi.

È sempre una grazia visitare un santuario, poiché il Signore e nostra Madre si rendono molto presenti, e naturalmente in questa occasione anche santa Teresina era molto presente.

vicenza2

Molte ragazze hanno iniziato il pellegrinaggio preparandosi con un esame di coscienza per fare una buona confessione e prepararsi al meglio per la Santa Eucaristia.

Alla fine della Santa Messa, abbiamo avuto una visita guidata al Santuario e un breve riassunto della vita di Santa Teresina. Alle ragazze è piaciuta molto la sua vita, hanno imparato molte cose, soprattutto sono rimaste colpite dalla sua relazione con Dio.

All'ora del pranzo, la Provvidenza ci ha messo di fronte a un parco dove abbiamo potuto mangiare e poi giocare con la palla.

La seconda parte del nostro pellegrinaggio è stata a Vicenza, dove una famiglia degli Stati Uniti, residente nella base militare americana, si è unita al nostro gruppo: Matthew e le sue due figlie, Elisabeth e Cecilia.

Lì a Vicenza Giulia Sudrio e la sua famiglia ci stavano aspettando. Volevamo conoscere la vita di Caterina Maria Sudrio, una bambina nata nel 2006 a Benevento e nel 2014, a soli 8 anni, il Signore, vedendola con un cuore così pieno di carità verso tutti e così innamorato e unito a Lui, ha voluto portarla in Paradiso dove lei voleva ardentemente andare. I suoi genitori e le sue sorelle ci hanno offerto una merenda e poi ci hanno raccontato molte cose su di lei, ci hanno mostrato foto e video in cui abbiamo potuto apprezzare ancora di più la personalità e il carattere allegro di questa bambina.

vicenza3

Caterina Maria è morta di un tumore al cervello e durante la sua malattia ha dato tanti esempi di gioia, pazienza, dimenticando se stessa, pensando sempre ai suoi genitori, ai fratelli e a tutti quelli che la circondavano, ma soprattutto ha mostrato una grande maturità nella fede e nel rapporto con Gesù; e questo è stato il motore che l’ha spinta a vivere la sua malattia con serenità, pace e facendo sempre del bene. Ha offerto tutto per il Papa, che amava e chiamava, come Santa Caterina da Siena, "il dolce Cristo sulla terra", e che ha potuto visitare in udienza e ricevere la sua benedizione personale. Una delle sue canzoni preferite era quella che si può ascoltare nel film di San Filippo Neri: "Paradiso, Paradiso, preferisco il Paradiso".

Abbiamo potuto vedere la stanza in cui ha vissuto la sua malattia e da dove è partita da questo mondo per incontrare Gesù.

Caterina María è morta a Vicenza il 26 luglio 2014. Una delle sue ultime frasi rivolte a suo padre è stata: "Papà, di’ alla mamma di non piangere, perché vado in Paradiso ...". Dopo aver ascoltato questa testimonianza esemplare, abbiamo avuto la grazia di andare con Giulia alla tomba di Caterina per cantare e pregare lì, chiedendole di intercedere per tutte noi e per i giovani, affinché abbiano questa forte unione con Gesù, in modo che possano essere generosi con Dio e vivere nel mondo una fede autentica.

Il Signore è stato grande con noi e noi siamo felici. Siamo tornate a casa con il cuore pieno e ringraziando Dio per tutto ciò che ha fatto nella nostra anima. Le ragazze erano felici e durante il viaggio di ritorno hanno raccontato tutto ciò che le aveva impressionate e gli esempi di santità nella vita dei nostri due personaggi: Santa Teresina e Caterina Maria.

Vedi album fotografico

Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok