Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Ignite the Light

ignitethelight larga

Evangelizzazione per le strade di Arroyomolinos (Madrid), 31 ottobre 2019.

ignite1

Lo scorso 31 ottobre, la parrocchia dell’Assunzione di Nostra Signora di Arroyomolinos (Getafe) ha organizzato una missione, un’iniziativa di nuova evangelizzazione, che sapevamo avrebbe potuto cambiare la vita di molti. Perciò i membri della parrocchia che l’hanno realizzata si chiamavano missionari e non volontari.

Tutti abbiamo potuto apportare le nostre capacità a questa missione, già fuori con la musica, invitando la gente per strada, dando il benvenuto sulla porta, nell’accoglienza, pregando per la missione ai piedi di Gesù o aiutando con il montaggio.

Tutti eravamo consapevoli che quello che avremmo ricevuto, era più di quello che avremmo donato.

Alle 18.00 noi, tutti i missionari, ci siamo riuniti nella parrocchia per preparare e addobbare la chiesa in accordo con la missione che avremmo tenuto la sera.

ignite2

Alle 19.00 c’è stata la spiegazione su come si sarebbe svolta la missione e che compito avrebbe avuto ogni missionario.

Alle 20.00 è iniziata la missione con la Santa Messa. La maggioranza si è potuta confessare quel pomeriggio, per essere strumenti di Dio in grazia.

Alla fine della Messa è stato esposto il Santissimo nell’ostensorio affinché vi rimanesse sino alla fine della missione, che si sarebbe conclusa con la benedizione finale.

In quel momento hanno iniziato a cantare i musicisti. Ci hanno accompagnato durante tutta la serata con i loro canti e allo stesso tempo aiutavano l’anima a mettersi in preghiera. Bisogna far notare che insieme a molti canti hanno pregato cantando l’intera coroncina della Divina Misericordia.

Successivamente c’è stato il mandato dei missionari. Ci siamo inginocchiati a coppie, in fila lungo il corridoio centrale, e il parroco ci ha benedetto con il Santissimo nell’ostensorio.

Per poter resistere fisicamente alla missione, dopo il mandato siamo potuti passare alle aule per poter mangiare e bere qualcosa.

ignite3

Verso le 21.00 circa è iniziata la missione per le strade.

Ci sono stati tre gruppi diversi di missionari.

Il primo di essi era “ai piedi di Gesù”. Pregavano davanti al Signore Eucaristia per tutte quelle persone che quella notte si sarebbero avvicinate a Gesù, Lo avrebbero incontrato, affinché aprissero le loro anime alla grazia di Dio e la accogliessero. Pregavano anche per i missionari che andavano per le strade.

Il secondo gruppo era di accoglienza. Fuori, alle porte della chiesa, dietro a un tavolo, questo gruppo accoglieva ai passanti che entravano in chiesa. Spiegavano loro in che cosa consistesse “Ignite the Light” e tutto quello che potevano fare in chiesa (accendere un lumino, scrivere un’intenzione di preghiera, prendere una parolina, rimanere a pregare per un po’, ascoltare la musica, confessarsi, parlare con un sacerdote….). Lo facevano sempre con un sorriso, indicando loro come arrivare a mettere il lumino passando dal corridoio centrale.

Ai piedi di Gesù nell’ostensorio c’erano due ceste: su una di esse c’era scritto “Dio ti ascolta. Lascia qui la tua intenzione”. Accanto c’erano fogli bianchi e penne. Chi voleva, poteva scrivere la sua intenzione e metterla dentro. Dopo la missione, abbiamo portato tutte le intenzioni a delle monache di clausura che pregheranno per quelle intenzioni.

ignite4

L’altra: “Dio ti parla”. Chi voleva, poteva pescare una citazione biblica dalla cesta, che era quello che il Signore quella sera avrebbe detto a quella persona.

Abbiamo avuto la grazia di poter contare su tre sacerdoti che sono stati a confessare durante la serata.

L’ultimo dei gruppi era quello della strada. I missionari andavano a coppie. Sono usciti per le strade vicine alla parrocchia e invitavano la gente a passare per la chiesa, per accendere un lumino che gli regalavano per poter chiedere qualsiasi intenzione.

Ci ha sorpreso positivamente la buona accoglienza che ha avuto l’iniziativa, specialmente tra i giovani, in una notte come quella. Si deve far notare che proprio di fronte alla parrocchia era stata organizzata una caccia al tesoro e un tunnel del terrore, e la maggior parte dei giovani che abbiamo invitato sono passati per la chiesa.

È stata una notte di luce e di misericordia. Proprio dall’ostensorio pendevano due teli: uno rosso e uno bianco, che simbolizzavano la Divina Misericordia, il sangue e l’acqua che sono scaturiti dal costato di Cristo.

La missione si è conclusa a mezzanotte con la benedizione finale.

Lasciamo qui una testimonianza di uno dei missionari della parrocchia.

ignite5

IGNITE THE LIGHT “Accendi la luce”  (basato su Nightfever, la “febbre della notte”) bella e davvero emozionante la veglia che abbiamo condiviso con candele lo scorso giovedì 31, nell’Assunzione di Nostra Signora di Arroyomolinos, per esaltare la Misericordia del Signore, che grazie al Suo Sangue e alla Sua acqua sgorgati dal costato di Cristo redime uomini e donne. La missione è durata fino a mezzanotte passata ed è stata in Suo onore, con l’esposizione del Santissimo Sacramento, mentre famiglie intere si divertivano per le strade della città con la festa di Halloween. A partire dalle 18 noi, un nutrito gruppo di fedeli della parrocchia, siamo stati convocati per essere “missionari” di una buona causa. Dopo la benedizione con il Santo Ostensorio, alcuni sono usciti per strada per incontrare le persone (non importava se erano mascherati o meno) e li invitavano con un lumino a passare in chiesa e pregare il Signore per qualsiasi necessità; altri pregavano in chiesa affinché avesse buon esito la missione dei primi; e gli ultimi accoglievano sulla porta della parrocchia tutta la gente che arrivava e li accompagnavano fino all’altare. In chiesa c’erano vari sacerdoti che aspettavano per confessare. Un vero spettacolo di gioia fatto di musica celestiale, moltissimi lumini accesi, profumo d’incenso e pace sacramentale. Gesù, pieno di amore, aspettava e presiedeva come nelle grandi occasioni! È stata un’iniziativa delle Serve del Focolare della Madre, supervisionata dal nostro parroco, Padre Juan. Vi assicuro che ha avuto un successo senza precedenti. Quello che all’inizio ci sembrava impossibile, ci ha lasciati estasiati. È avvenuto il miracolo! Centinaia di persone hanno assistito travestite o no da “teschi o demoni”. Interi gruppi di giovani, ragazzi e ragazze tra i 15 e i 16/17 anni, sono passati per la chiesa e, inginocchiandosi ai piedi dell’ostensorio, facevano la loro richiesta scritta e accendevano la candela. Che segno hanno lasciato nei loro cuori questi momenti di grande commozione ed emozione! Una serata storica da ripetere.
-José Valderrama Ramírez

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok