Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Notizie 2010

Cominciando l’Avvento con Benedetto XVI

arrodillado

La comunità di Serve del Focolare della Madre di Roma, accompagnata da un piccolo gruppo di studenti universitari, ha iniziato il tempo liturgico dell’Avvento, in unione con la Chiesa universale, con la celebrazione dei Vespri della prima domenica di Avvento presieduta dal Papa Benedetto XVI nella Basilica di San Pietro, il 27 novembre.

adorationHost

La Veglia di preghiera e Adorazione del Santissimo Sacramento è stata anche un Veglia per la Vita Nascente. L’iniziativa è stata promossa a livello nazionale e si è celebrate nello stesso pomeriggio in molte parrocchie di tutto il mondo. Una volta di più si è manifestata la singolare bellezza dell’attributo universale della Chiesa Cattolica.

La Veglia ha avuto inizio con un breve preludio prima della preghiera dei Vespri. Si sono letti a voce alta alcuni paragrafi dell’Enciclica di Giovanni Paolo II “Evangelium Vitae”, intervallati da un momento di silenzio e preghiera personale, per concludere con un inno e una breve preghiera al Signore.

depie

Successivamente, ha fatto il suo ingresso in Basilica il Papa e dopo pochi minuti ha avuto inizio la processione del Santissimo Sacramento dalla Cappella dell’Adorazione. Un rispettoso silenzio ha invaso le navate della Basilica.

C’era moltissima gente, specialmente giovani famiglie con figli, molti dei quali ancora piccoli. Durante l’omelia, il Santo Padre si è focalizzato sui non nati e la persona umana in generale, relazionando il tutto con il Bambino Gesù, quando ancora nascente era stato già concepito per opera dello Spirito Santo nel seno della Vergine Santissima. Il Papa ha cercato di spiegare come la persona “ha il diritto di non essere trattato come un oggetto da possedere o come una cosa che si può manipolare a piacimento, di non essere ridotto a puro strumento a vantaggio di altri e dei loro interessi”. Parlando del nuovo individuo formato nel ventre della madre, il Santo Padre ha aggiunto: “Così è stato Gesù nel grembo di Maria; così è stato per ognuno di noi, nel grembo della madre”.

unborn

Concludendo l’omelia, Benedetto XVI ha ricordato la grande cura che Nostra Madre Maria ha mostrato verso il Figlio di Dio mentre stava nel suo ventre e quindi la profonda connessione tra l’Eucaristia, “quel Corpo che prese carne da Maria per opera dello Spirito Santo” e la causa dei non nati.

Durante l’intervento del Papa e i momenti di silenzio si sentivano i pianti dei bambini, un promemoria vibrante dei molti bambini non nati, le cui voci non vengono ascoltate in questa terra però il cui clamore arriva fino al cielo. Che questi piccoli intercessori davanti a Dio ci aiutino a continuare a costruire una cultura della vita.{jcomments on}

Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok