Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Notizie 2011

Vivere per portare la benedizione

Il gruppo di signore del Focolare della Madre di Alcalá de Guadaíra (Sevilla) ha organizzato un mercatino per raccogliere fondi per i nostri Gruppi Missionari.

Un’iniziativa pensata da tempo, che si è svolta di domenica, quando molte famiglie hanno fatto visita al Santuario della Vergine dell’Aquila, patrona della città, per presentare i bambini alla Vergine Nostra Madre. Interessanti i preparativi, con cose da cucire, materiale da cercare per venderlo, idee da dare, pensare a come disporre tutto nella migliore maniera, stabilire i prezzi, pregare perché facesse buon tempo…

Arrivato il giorno, tutte si sono messe a lavoro come formiche per disporre le tavole e collocare la merce… tra sorrisi, scherzi, e anche qualche attimo di nervosismo. Tutte però disposte a lavorare per i fratelli più poveri, che hanno sentito come propri.

“Vivere per portare la benedizione”, questa è stata la frase che compariva nel cartello a presidio del mercatino. Ed è stato vero, perché alla fine tutte sono andate via piene di gioia per aver potuto fare qualcosa per il Signore e Nostra Madre. 

 

Non c’è cosa migliore per considerare propria un’opera, che lavorare e soffrire per essa. E così è stato. Freddo, dolori di piedi, vergogna… però tutto è stato superato grazie all’amore e alla generosità… Hanno donato i propri soldi, il proprio tempo e la propria salute, ma la cosa più importante che hanno fatto e che hanno dato a loro stesse - e per la quale Dio le ha benedette – è stata la gioia e la pace del lavoro fatto per Lui; hanno ricevuto la ricompensa perché non cercavano nulla in cambio.

Un successo sotto tutti i punti di vista, tanto che già si è pensato a quando organizzare il successivo mercatino. Al termine della giornata le signore sono entrate nel Santuario a rendere grazie alla Vergine e per una foto di gruppo. Una di loro ha commentato: “ho chiesto alla Vergine di poter continuare a servirla”.

 

Dio renda loro tutto il lavoro che stanno facendo per Lui e per i fratelli perché “neppure un bicchiere d’acqua dato nel mio nome resterà senza ricompensa”.

Album fotografico

{jcomments on}

Suor Clare

Hermana Clare

Suor Clare e i cristiani perseguitati

Karolina Vera : Sr. Clare stava vivendo come una vera cristiana, morendo ai suoi gusti e desideri. Mi disse che avevamo una grande...

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok