Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Notizie 2015

La gioia del Natale

convisbrignanoRappresentazione teatrale di Natale, Brignano (Italia), 6 gennaio 2015.

È ormai tradizione a Brignano che i bambini preparino una rappresentazione teatrale di Natale per la parrocchia il 6 gennaio, giorno in cui il parroco dà la benedizione ai bambini, si adora Gesù Bambino e si consegnano i premi a coloro che hanno partecipato al concorso dei presepi.

Dalla fine di novembre in poi noi suore abbiamo avuto un’intensa preparazione con circa 30 bambini, dai 6 agli 11 anni per preparare il festival di Natale.

belenviviente

Quest’anno la rappresentazione teatrale aveva una connotazione speciale che la rendeva diversa dalla “tipica” rappresentazione natalizia. Era ambientata in un negozio di giocattoli, nel quale gli attori erano i giocattoli stessi che prendevano vita quando il padrone del negozio non li vedeva. Una bambola di stoffa era il giocattolo rifiutato e dimenticato, che non trovava il senso della sua esistenza né aveva motivi per essere allegra a Natale. Un pagliaccio, un orso di peluche, varie bambole, degli arlecchini e le luci di Natale davano motivi alla bambola di stoffa per trovare il senso dal Natale, facendole capire che la gioia non proviene dai regali, dai viaggi, dalle feste o dal pranzo di Natale.

Nulla era in grado di far superare la tristezza alla bambola di stoffa, finché un arlecchino le diede la chiave per capire. Con la Parola di Dio decifrò che cos’è ciò che porta la gioia al cuore di ogni essere umano. Gesù è quel regalo che tutti possiamo ricevere. La fine della rappresentazione teatrale era costituita da un Presepe vivente che mostrava il vero protagonista del Natale. I bambini si sono sforzati molto nel fare la rappresentazione teatrale con gioia, chiarezza ed entusiasmo.

I genitori sono stati molto contenti sia dei loro figli sia della rappresntazione teatrale. È stata una bella occasione per concludere questi giorni di festa e per ricordare il vero significato del Natale.

Vedi album fotografico

Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok