Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Notizie 2015

Un torrente di grazie

chiicos5Incontro per ragazzi con i Servi del Focolare della Madre a Lumezzane (Italia), 20-22 febbraio 2015.

Il 20 febbraio 2015 F.llo Luke e F.llo Kevin, SHM, si sono recati alla parrocchia di Sant’Apollonio di Lumezzane, che appartiene alla diocesi di Brescia. È una parrocchia in cui le Serve del Focolare della Madre hanno una comunità. Essendo in un zona montagnosa a più di 600 m sopra il livello del mare, si era ancora in pieno inverno. Le montagne attorno a Lumezzane erano coperte di neve.

Questa era la 5ª volta in cui i Servi del Focolare andavano a Lumezzane per fare apostolato con un piccolo gruppo di giovani della parrocchia. È un gruppo che ha dimostrato di essere molto fedele a questi incontri sporadici. Malgrado questa volta ci limitasse abbastanza il rigore del tempo, abbiamo trascorso un tempo molto piacevole assieme. I vincoli di amicizia, già stabiliti nelle nostre visite precedenti, si sono consolidati ancora di più. Come al solito l’obiettivo di tutto l’incontro era che i ragazzi potessero avere un vero incontro con Cristo e che allo stesso tempo si divertissero.

chiicos

Anche se in questa occasione non siamo potuti andare a fare un’escursione sulle montagne a causa del maltempo, non ci siamo persi d’animo. Comunque ci siamo divertiti , approfittando al massimo del grande salone che c’è presso la casa della Serve, trascorrendo la giornata con attività e giochi e ovviamente giocando anche a calcio. I ragazzi ci hanno anche aiutato a cucinare. Alcuni potrebbero pensare che abbiamo mangiato pasta carbonizzata al posto della pasta alla carbonara, ma in realtà tutto era commestibile ed era molto buono. È sorprendente come uno possa divertirsi avendo delle cose semplici a disposizione: un po’ di immaginazione e il voler partecipare sono dei fattori chiave, che, grazie a Dio, non mancavano ai ragazzi. Ovviamente il fattore più importante, l’anima e lo spirito di tutto, furono le abbondanti grazie che abbiamo ricevuto. Se ci fossimo lasciati guidare da noi stessi, tutto sarebbe stato un disastro e un fallimento. La mano della Provvidenza, che non manca mai, e la guida materna e salda della nostra Madre del Cielo si sono manifestati molto in ogni momento.

Questi giorni non sono stati solo di gioco, di divertimento e di riempirci lo stomaco con cibi buoni. Ci sono stati anche molti momenti per pensare e riflettere su questioni di vitale importanza, accompagnati dal tempo fondamentale della preghiera. Ci sono state delle meditazione guidate e l’adorazione di fronte al Santissimo Sacramento, la Santa Messa e il Rosario, concludendo la giornata con una riflessione e un esame di coscienza prima di andare a dormire. I temi di cui abbiamo trattato, essendo all’inizio della Quaresima, sono stati i tre aiuti spirituali che la Chiesa ci propone: preghiera, mortificazione (digiuno) e carità (elemosina), insistendo sul fatto che questo è un momento per uno sforzo più concreto nella nostra conversione personale a Cristo, con il ricorso necessario ai sacramenti.

chicos3

È stato molto incoraggiante vedere che alcuni dei ragazzi hanno maturato un po’ in questo ultimo anno e non solo a livello fisico. C’è stato un interesse genuino nell’elevare le conversazioni verso temi più spirituali, al posto di rimanere in chiacchiere superficiali e mondane, a cui probabilmente essi sono più abituati. Anche se è possibile che sia stato per la presenza dei Servi, il fatto che in molte occasioni queste conversazioni siano sorte in modo spontaneo o per delle domande che essi hanno posto, è un segno incoraggiante.

Uno dei momenti che risaltano di più del fine settimana è stata la visita che abbiamo fatto agli anziani della città. Questo ci ha dato l’opportunità di mettere in pratica uno dei tre aiuti spirituali dei quali abbiamo parlato loro, quello della carità fraterna. Il ricovero è un grande edificio in cui vivono 150 anziani. Ci siamo separati in due gruppi di quattro ciascuno e siano andati nelle diverse sale. Ci avvicinavamo ai gruppetti riuniti in certe aree e iniziavamo a parlare con loro, ci presentavamo e poi semplicemente ci interessavamo di loro. Sembrava che gli anziani stessero godendo della nostra presenza. E anche noi. Di fatto l’impressione nei ragazzi è stata tale che uno di loro ha fatto persino delle domande su come essere un volontario impegnato. C’è stato un fatto comico. I Servi, il cui italiano lascia molto desiderare, sono rimasti con la faccia congelata nel sentire gli anziani parlare nel loro dialetto, che è più simile al tedesco che all’italiano. Essi hanno finto di capire con un grande sorriso, una strizzata d’occhio e un cenno della testa.

chicos4

Il nostro fine settimana si è concluso la domenica sera quando Padre Félix è tornato dopo aver dato un breve ritiro durante il fine settiamna ai laici del Focolare in un luogo vicino. Gran parte di loro, compresi i genitori dei ragazzi che sono stati con noi, si sono fermati a mangiare una pizza con noi. C’è stato un momento di condivisione che ha dato l’opportunità, a tutti quelli che avevano partecipato a questi avvenimenti del fine settimana, di condividere le loro esperienze sulle grazie che avevano ricevuto. Tutti i ragazzi lì presenti hanno contribuito in modo positivo e hanno condiviso le loro impressioni.

In definitiva, l’incontro è andato molto bene. Abbiamo ottenuto l’obiettivo principale dell’incontro: mettere i ragazzi in contatto con Gesù Cristo in modo reale e personale. Le condizioni esterne ci hanno aiutato, ma sulla realtà interiore (la conversione del loro cuore a Dio), bisognerà ancora lavorarci su. I semi sono stati seminati e adesso i ragazzi devono collaborare alla grazia di Dio, affinché questi semi possano arrviare a dare il frutto che Egli desidera. Preghiamo per questa intenzione.

Suor Clare

Hermana Clare

Suor Clare e i cristiani perseguitati

Karolina Vera : Sr. Clare stava vivendo come una vera cristiana, morendo ai suoi gusti e desideri. Mi disse che avevamo una grande...

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok