Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Categoria: Febbraio

campañachoneCampagna missionaria a Chone (Ecuador), febbraio 2015.

Noi suore della comunità di Serve del Focolare della Madre di Chone abbiamo lanciato la campagna: “Illumina la loro vita”. Dopo aver fatto il quinto viaggio missionario al Puyo (Ecuador), con l’obiettivo di evangelizzare gli indios shuar, ci siamo resi conto di quanto sia loro necessaria la luce elettrica. Di fatto, molti dei membri di queste comunità vengono morsi da serpenti, da pipistrelli e hanno la pelle irritata per le punture delle tarantole, che si sarebbero potute evitare se avessero avuto l’elettricità per controllare le case prima di andare a dormire.

Gli abitanti di Yampís, la comunità più lontana a cui siamo arrivati e quella che soffre maggiormente per questo problema, ci hanno pregato caldamente di aiutarli ad avere la luce elettrica. Per questo era necessario raccogliere circa mille dollari, per comprare il cavo necessario per l’installazione in tutte le case della comunità. Essi hanno già ottenuto un piccolo generatore a benzina capace di fornire elettricità a un paio di lampadine per ogni casa.

posterluz

Per ottenere i soldi ci è venuta l’idea di fare un grande striscione con immagini della comunità e attorno ad esse mille caselle vuote. Dopo le Messe nella chiesa di San Gaetano di Chone il parroco annunciò la campagna e invitò a fare un donativo per acquistare il cavo. Per ogni dollaro donato veniva dato al donante un adesivo per riempire una casella, che rappresentava i metri di cavo che si stavano ottenendo. In una settimana e mezza è stata raggiunta la quantità necessaria per comprare i mille metri di cavo, e sono persino avanzati dei soldi, con cui abbiamo potuto comprare pure degli interruttori, delle lampadine, ecc.

Ringraziamo per il loro sforzo tutte le persone che hanno collaborato attraverso la preghiera e il loro contributo economico all’acquisto del cavo. Speriamo di potervi comunicare a breve la buona notizia della sua installazione e della messa in funzione. Ciò significherà che l’illuminazione è arrivata a Yampís.

Sappiamo che la cosa più importante in questa missione è annunciare il Vangelo e l’amore di Dio verso queste persone, e questo non possiamo mai perderlo di vista. Ma è anche vero che la carità ci spinge a portare loro delle cose di base come cibo, zanzariere, luce, latrine, ecc. E un po’ alla volta, con la grazia di Dio e la generosità di coloro che invece ce le hanno, potremo aiutare questi nostri fratelli a migliorare le loro condizioni di vita./p>

Suor Clare

Hermana Clare

Mi ha spinto a dire sì

Carmen Pérez (Spagna): La storia di Suor Clare mi ha aiutato molto in un momento di decisione. Vidi il documentario “O tutto o niente” proprio qualche giorno prima di fare un’esperienza vocazionale in un convento.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok