Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Categoria: Dicembre

convis macael2Pellegrinaggio per ragazzi al Santuario di “Nostra Signora Guardiana della Fede”, a Cajas, Cuenca (Ecuador), dal 16 al 19 dicembre 2015.

“Solo con Lei si può raggiungere la meta; tutto con te, niente senza di te”.

Un gruppo di 25 ragazzi del FMG della provincia di Manabi (Ecuador), insieme con Bryan Alava, aspirante dei Servi del Focolare della Madre, Anaum, laico del Focolare, e Padre Dominic, Servo del Focolare della Madre, ha fatto un pellegrinaggio al Santuario di “Nostra Signora Guardiana della Fede” a Cajas, provincia di Azuay, nel nord dell’Ecuador.

L’autobus è partito da Playa Prieta il 16 dicembre alle 3 del mattino. Si è fermato a Guayaquil, dove ci aspettava P. Dominic e dove abbiamo fatto colazione. Dopo ci siamo incamminati verso la prima meta del nostro pellegrinaggio: Cuenca. Lì abbiamo visitato la Cattedrale e diverse chiese. In questi luoghi abbiamo potuto contemplare la bellezza delle chiese e la devota religiosità dei suoi fedeli.

Alle 5 del pomeriggio siamo andati nel luogo dove abbiamo alloggiato durante questi giorni di pellegrinaggio. Abbiamo approfittato del viaggio per avere qualche momento di preghiera, e anche per raccontarci qualche barzelletta. Quando siamo arrivati, c'è stata la Messa, seguita dalla cena. Anche se faceva molto freddo, abbiamo potuto praticare le opere di misericordia, aiutandoci a vicenda condividendo gli abbigliamenti caldi che avevamo portato con noi.

convis macael3

Il giorno dopo siamo rimasti tutto il giorno nel luogo dove eravamo alloggiati, la laguna di Busa. Al mattino c’è stato un tempo di preghiera, e alle 9 abbiamo organizzato una camminata in montagna. Anche se non siamo arrivati fino alla cima, siamo arrivati al punto più alto che potevamo raggiungere. Lì, ci siamo riposati un po’ e abbiamo pranzato. Dopo il pranzo, siamo scesi dalla montagna perché alcuni ragazzi volevano andare alla laguna dove, al centro, si trova una statua del Sacro Cuore di Gesù. La bassa temperatura (9 ºC) non ha fermato i ragazzi che si sono lanciati nell’acqua per nuotare verso la statua.

Poi P. Dominic ha celebrato la Messa. Nell’omelia ha paragonato lo sforzo fisico che è stato necessario per scalare la montagna con lo sforzo spirituale che è necessario per raggiungere la santità. Prima di andare a dormire, il Padre ha proposto una breve meditazione che ci ha fatto riflettere. In seguito, alcuni ragazzi hanno voluto confessarsi.

convis macael2Il venerdì siamo andati al Santuario della “Vergine della Nuvola” a Azogues, dove abbiamo vissuto un’avventura nella quale si sono visti i primi frutti spirituali del pellegrinaggio. C’era un ragazzo che non poteva scalare la montagna perché un mese prima si era fratturato il piede. Gli altri ragazzi l’hanno voluto aiutare, e così quasi tutti siamo arrivati alla cima. Durante la camminata, ci fermavamo davanti ad ogni stazione della Via Crucis accanto al sentiero, e facevamo questa preghiera: “Gesù ha sofferto più di me quando saliva il Calvario con la croce, perciò anch’io lo potrò fare”. Questo ci ha dato la forza per andare avanti.

Mezz’ora dopo, siamo scesi per ritrovarci con il resto del gruppo e pranzare insieme. Poi siamo andati a pescare nella laguna. Quindi c’è stata la Messa seguita dalla cena. Dopo la cena, Padre Dominic ci ha parlato dell’uso intelligente delle nuove tecnologie, perché ci sono molti ragazzi che sono troppo attaccati ai loro cellulari. Infine, siamo andati a riposare.

convis macael3

Il giorno dopo ci siamo svegliati presto per poter arrivare al Santuario di Cajas per visitare Nostra Madre, “Guardiana della Fede”, alla quale avevamo affidato questo pellegrinaggio. Quando siamo arrivati, pioveva e faceva molto freddo. Perciò siamo andati direttamente in cappella, dove abbiamo celebrato una Messa in ringraziamento. Al termine della Messa siamo andati a vedere l’immagine della Madonna. La pioggia si fermò e uscì il sole.

I ragazzi, contentissimi, si inginocchiarono davanti l’immagine. Alcuni rinnovarono i loro impegni nel Focolare. È stata una grazia per loro poterlo fare in questo Santuario. Alcuni ragazzi dissero che era la prima volta che avevano sperimentato fortemente la presenza della Madonna - sperimentavano che la Madonna fissava il Suo sguardo su di loro.

Sono stati giorni indimenticabili. È evidente che il Signore e Nostra Madre sono generosi nel concedere molte grazie a coloro che sono disposti a riceverLi con un cuore totalmente aperto.

-    Bryan Alava, aspirante dei Servi del Focolare della Madre

Testimonianze:

convis macael2

Il pellegrinaggio al Santuario di Cajas mi ha aiutato molto. È un posto molto bello, e non necessariamente bello esteriormente, ma nel senso spirituale, che è impressionante. Lì si sente la presenza di Nostra Madre. Ho ricevuto molte grazie dalla Madonna. Grazie a Lei, ho potuto superare molti ostacoli e così posso andare avanti.

(Joao Holguín, HMJ)

Il pellegrinaggio mi ha aiutato a stare più unito a Dio, alla Madonna e agli altri. Ogni giorno riflettevo su me stesso, su cosa stavo facendo con la mia fede, una fede che stava sparendo dalla mia vita. Durante la camminata in montagna, mi sono reso conto che è possibile non solamente ricuperare la stessa fede che avevo prima, ma anche di più.

(Bolívar Emmanuel, HMJ)

Il pellegrinaggio mi ha aiutato molto, perché mi ha aiutato a imparare a fare le cose per amore e per aiutare gli altri. La presenza della Madonna che ho sentito mi ha riempito di una gioia immensa.

(Jesús Moreira, HMJ)

Il pellegrinaggio è stato bellissimo - mi ha aiutato molto. Una cosa che devo dire è che è stata la prima volta che ho pregato con grande amore e concentrazione, ed è stata la prima volta che ho sentito la Madonna così vicina a me.

(Ángel Mendoza, HMJ)


Vedi album fotografico

 

 

Suor Clare

Hermana Clare

Mi ha spinto a dire sì

Carmen Pérez (Spagna): La storia di Suor Clare mi ha aiutato molto in un momento di decisione. Vidi il documentario “O tutto o niente” proprio qualche giorno prima di fare un’esperienza vocazionale in un convento.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok