Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Notizie 2016

Unità Educativa Sacra Famiglia continuerà a funzionare

gmhm1

Novità di Playa Prieta e della scuola, Manabí (Ecuador), maggio 2016.

Lunedì è venuto P. Irvin, l’incaricato della comunità di Playa Prieta, per visitare le suore e per celebrare la Messa. L’omelia era praticamente un’azione di grazie per la nostra decisione di ritornare a Playa Prieta.

A continuazione, ha celebrato la Messa sulle macerie della scuola, in unione con il funerale di Sr. Clare. Poi ci hanno raccontato che vi ha assistito moltissima gente.

20160517_103137Gli adulti del Focolare di Playa Prieta ci raccontavano che le madri dei nostri alunni stavano già abituando i loro figli all’idea di iscriverli in un’altra scuola, ma i bambini si erano “ribellati” di fronte a quest’idea e avevano detto che volevano la loro scuola, che non sarebbero andati a studiare in un’altra scuola che non fosse la loro, che preferivano smettere di studiare. Molti erano disposti persino a perdere un anno di scuola. Le madri mi dicevano: “Suora, conti su di me per qualunque cosa, per fare da mangiare, per preparare la malta, per passare mattoni, per qualunque cosa. Ma la scuola la tiriamo su, suora. Tra tutti ce la possiamo fare... Vedrà, suora”...

Ci raccontavano anche che la messa del sabato si stava celebrando all’aria aperta nella comunità di S. José, perché la chiesa è pure piuttosto malmessa per il terremoto, e che li impressionava il numero di gente che vi partecipava. Quando vi si recò il sacerdote di Schoenstatt, si confessarono particamente tutti. Ci dicevano: “Suora, persino i più ribelli e duri...”.

Anche la gente di lì sta aiutando e collaborando con quello che può. Ad esempio, il ragazzo che stampa la rivista HM a Guayaquil si è offerto per stampare loro tutto ciò di cui hanno bisogno per chiedere aiuti per ricostruire la scuola e la casa delle suore a Playa Prieta.

giganto

Grazie a lui, hanno potuto fare un cartellone, una gigantografia, da mettere sulla facciata del muro esterno del recinto della scuola, e che così la gente vede che l’Unità Educativa continuerà a funzionare.

Oltre a questo cartellone, questo ragazzo ha stampato, gratuitamente, anche molti volantini con la stessa informazione, affinché possano essere distruibuiti alle famiglie che portavano i loro figli alla scuola.

La data stabilita per iniziare le lezioni nella Provincia del Manabí, che è stata la più colpita dal terremoto, è stata fissata per il mese di luglio. Anche noi vogliamo iniziare le lezioni in quella stessa data, con le poche o molte installazioni che avremo potuto costruire per allora.

Varie persone hanno verificato lo stato delle aule che sono rimaste in piedi e lo stato del terreno. Di ciò che è rimasto, solo si può usare la scuola materna e l’aula magna. Il resto dovrà essere demolito e ricostruito. Si dovrà anche rafforzare tutto il terreno, visto che ha subito sprofondamenti e spaccature.


Nota delle Serve che si trovano in Manabì, 18 maggio 2016.

Ciao a tutti.

Oggi, 18 maggio 2016, abbiamo iniziato la giornata con un piccolo spavento: alle 3 di notte ci ha svegliato un terremoto. La Lettura del giorno, dell'apostolo San Giacomo, diceva: "Dovreste dire: «Se il Signore vorrà, vivremo e faremo questo o quello»...". Con queste parole in testa noi, quattro suore e un gruppetto di ragazze coraggiose, ci siamo recate a Playa Prieta per togliere le macerie dell'edificio della scuola. Con il cuore in gola, abbiamo visto uscire ogni parte di questa cara casa, in cui per molti anni ci siamo spese e consumate per il Signore. La domanda che sorge da dentro è: "E adesso che cosa rimane di tutto questo?" La risposta è immediata: la gloria che è stata data a Dio e che, per la Sua grazia e la Sua misericordia, continueremo a dare. Alle 11.46 ci ha sorpreso un altro terremoto che ci ha costretto a sospendere i lavori. Come il Signore ha voluto e viviamo. Domani continueremo il nostro lavoro per la Sua Gloria, contente, contente...

Grazie mille per le preghiere che si sentono più forti dei terremoti. Grazie, fratelli nel Signore. Che nostra Madre ci conservi nel Suo Cuore Purissimo. Un abbraccio".

Le Serve del Manabí

Se desideri collaborare con un donativo, clicca qui.

banner riconstruzioneITA

 

 

 

 

 

 

 

Vedi album fotografico

 

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok