Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Categoria: Luglio

ecuador1Notizie sui lavori per la ricostruzione dell’Unità Educativa Sacra Famiglia a Playa Prieta (Ecuador), 7 giugno 2016.

Qui a Playa Prieta le giornate sono sempre più intense.  Già possiamo vedere come sta germogliando un rinnovamento prezioso e ricco di speranza in mezzo al paesaggio desolato di sole poche settimane fa. Ci commuove profondamente il vedere tante mani che lavorano per lo stesso ideale: la gloria di Dio e il bene delle anime. Non possiamo non ringraziare, ogni giorno, le tante anime generose che, qui in prima fila e anche da tanti paesi lontani, stanno rendendo possibile la ricostruzione dell’Unità Educativa Sacra Famiglia.

La settimana scorsa continuamente arrivavano autoribaltabili carichi di materiale per riempire il terreno. Abbiamo finito una parte, dove saranno ubicate le aule. La squadra incaricata dell’assemblaggio delle aule ha cominciato a lavorare immediatamente per preparare le strutture.  Assiduamente, hanno lavorato anche di notte: con l’illuminazione di un faro molto potente, spesso proseguivano i lavori fino alle undici o dodici della notte. E lo facevano col sorriso sulle labbra.

ecuador2

Sono già arrivati i volontari della ditta Telefonica. Grazie alla loro impagabile collaborazione, potremo avere quindici aule di bambù che formeranno il complesso educativo. Gli studenti più grandi, che avevano già iniziato le lezioni, hanno preparato loro un benvenuto con striscioni di ringraziamento e canti. Poi hanno scaricato tutto il materiale che ci avevano donato per la costruzione dei nuovi bagni, e subito si sono messi ad aiutare con il basamento delle sette prime aule. È arrivato a Playa Prieta un camion di cemento per il basamento e in tre ore tutto era fatto. Erano tutti molto stanchi, ma con un sorriso da un orecchio all’altro dicevano: “Questo lavoro è ricco di soddisfazioni, siamo molto felici!”. E ci chiedevano se a noi piaceva e se eravamo contente. Nelle fotografie si potrà vedere come brillavano le nostre facce nel contemplare il magnifico risultato di questi sforzi.

Stanno ancora arrivando autoribaltabili. Stanno preparando il terreno. E questa settimana arriveranno anche le pareti delle aule… continueremo ad informarvi.

playa3Non possiamo non condividere con voi anche la nostra esperienza nelle visite alle famiglie colpite dall’alluvione e dal terremoto. Molte famiglie hanno perso parte o tutto quello che avevano: materassi, frigorifero, stoviglie, bagni e anche la propria casa. Ci sono delle situazioni veramente devastanti. Vivono sul pavimento di terra, i bagni che usano sono latrine fatte da loro stessi con un buco scavato per terra, due blocchi di cemento e un pezzo di legno che li copre. Molte famiglie vivono in capanne. Questa domenica siamo andate a distribuire alcuni viveri a queste famiglie. È stato bello portare non solamente qualcosa di materiale, ma anche un po’ di speranza con la nostra presenza, per mostrare che siamo con loro.  Quando siamo arrivate alla capanna di un signore che era rimasto senza casa dopo il terremoto, la prima cosa che fece quando ci vide fu il segno della croce. Poi alzò le mani al cielo, commosso e colmo di gioia perché qualcuno si era ricordato della sua famiglia. Quando gli abbiamo dato il materasso, ci diede un abbraccio perché non sapeva cosa fare per ringraziarci per tutto quello che stavamo facendo. Ci raccontò un po’ in quali condizioni stava vivendo la sua famiglia, come anche tante altre famiglie. Tutte le cose che abbiamo potuto distribuire ci sono state date grazie all’aiuto che abbiamo ricevuto da Ana e Antonio, due missionari spagnoli che negli anni scorsi si sono totalmente donati alla gente di queste terre. Essi ci hanno mandato aiuti finanziari. Grazie mille!

In particolare vi chiediamo di non smettere di fare ciò che è la cosa più importante: pregare per noi affinché possiamo ascoltare la voce della Madonna, e così possiamo costruire una scuola gradita a Lei per la gloria del Suo Figlio. Amen.

Le suore di Playa Prieta.

Vedi album fotografico

Suor Clare

Hermana Clare

Mi ha spinto a dire sì

Carmen Pérez (Spagna): La storia di Suor Clare mi ha aiutato molto in un momento di decisione. Vidi il documentario “O tutto o niente” proprio qualche giorno prima di fare un’esperienza vocazionale in un convento.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok