Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Categoria: Ottobre

misionesMissioni parrocchiali a Mompiano, Brescia (Italia), ottobre 2016.

Le comunità di Serve del Focolare della Madre di Lumezzane (BS) e Brignano Gera d’Adda (BG) hanno svolto un lavoro di evangelizzazione per la Parrocchia dei Santi Francesco e Chiara, a Mompiano, Brescia. Sono state veramente delle missioni, come quelle che si facevano tempo fa.

Tutto è cominciato grazie a un’ispirazione di Don Antonio Lanzoni, che, fino a poco tempo fa, era l’amministratore parrocchiale. Don Antonio si sentì mosso a organizzare delle missioni parrocchiali per incoraggiare e ravvivare la parrocchia, che, dopo aver sofferto per molte difficoltà, tra le quali il crollo della chiesa, attualmente soffre di una mancanza di vitalità e di partecipazione da parte dei fedeli. Questo compito fu affidato alle Serve del Focolare della Madre. La parrocchia ha sofferto molto negli ultimi anni e, infatti, non ha nemmeno un edificio dove poter celebrare la Messa. Ma adesso sembrava accendersi una piccola fiamma in questa oscurità: sabato 8 ottobre avrebbe accolto il nuovo parroco, don Alberto Maranesi, che nello svolgimento del ministero pastorale avrebbe inoltre avuto anche la collaborazione di altri tre sacerdote: Mons. Giacomo Bulgari, Don Giacomo Laffranchi e Don Marco Cavazzoni. La nostra missione è stata, fondamentalmente, quella di trasmettere questa notizia, portando così un po’ di speranza e di luce in molte case.

misiones1

Dopo la Messa di inizio e l’invio dei missionari, la nostra missione è stata, per 15 giorni, andare di porta in porta. Le giornate erano intense. Iniziavamo con la Messa alle 8.30, seguita da un’ora di adorazione davanti al Santissimo. Poi, verso le 10.00 del mattino, cominciavamo la nostra “camminata” girando per tutte le vie, mattina e pomeriggio, visitando tutti i diversi settori che appartengono alla parrocchia. Bussavamo alle porte, fiduciose che Dio avrebbe aperto i cuori delle persone mentre loro ci aprivano la porta.

La nostra esperienza è stata quella che Dio ha voluto. Abbiamo trovato diverse reazioni. Molte porte non si aprivano, sia perché le persone erano al lavoro, sia perché erano uscite a fare delle commissioni… In alcuni casi era perché non volevano aprire, o chiudevano la porta subito dopo averla aperta, dicendo freddamente: “Non m’interessa”. Ma abbiamo trovato anche molte porte aperte, persone che ci hanno ricevuto nelle loro case con grande gioia, che ci hanno raccontato le loro sofferenze, i loro dubbi, le loro storie, che ci hanno dato il loro affetto e la loro accoglienza, e che hanno pregato con noi.

misionesTante persone, soprattutto anziane, che aspettavano la visita delle suore con molta gioia e ci tenevano molto al fatto che questa parrocchia tornasse ad avere una vita con più attività soprattutto per i loro nipoti. Al termine della giornata, invitavamo queste persone ad andare a pregare i Vespri nella cappella alle 18. Poi c’era un piccolo incontro di preghiera e una testimonianza alle 20.30 in ogni settore che avevamo visitato.

Noi l’abbiamo voluto fare come se fosse stato Dio stesso ad avvicinarsi a queste persone. A Lui e a Nostra Madre affidiamo tutto l’apostolato e preghiamo per le necessità di ciascuno di loro. Li ringraziamo per averci dimostrato tanto affetto, e ringraziamo particolarmente per l’attenzione di alcuni parrocchiani che sono stati anche al nostro servizio, preparandoci il pranzo tutti i giorni, mostrandoci i luoghi dove dovevamo andare ad evangelizzare, ecc.…

Infine, il giorno 8 ottobre ci siamo riuniti per la Messa d’ingresso di Don Alberto. Alcune persone della parrocchia avevano preparato una piccola festa con qualche aperitivo e con dei dolci, e così abbiamo potuto festeggiare tutti insieme. Grazie mille alla parrocchia dei Santi Francesco e Chiara! Possiamo dire che per noi è stata veramente una grazia aver avuto l’opportunità di realizzare questo apostolato. Soltanto Dio sa il frutto che questa missione ha potuto portare, ma la nostra speranza è di essere riuscite ad arrivare a molti cuori. E se anche magari non si sono visti molti frutti evidenti, sappiamo che, in qualche modo, Dio è entrato in molte case.

Vedi album fotografico

Suor Clare

Hermana Clare

Mi ha spinto a dire sì

Carmen Pérez (Spagna): La storia di Suor Clare mi ha aiutato molto in un momento di decisione. Vidi il documentario “O tutto o niente” proprio qualche giorno prima di fare un’esperienza vocazionale in un convento.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok