Menu

NotizieNotizie del Focolare della Madre

Notizie 2016

Con una valigia e un ombrello

paisvasconovIncontro per i membri del Focolare della Madre ad Alcalá de Guadaíra (Siviglia), Spagna, 19 novembre 2016.

Con una valigia e un ombrello. Così è iniziato questo viaggio tanto desiderato da tutte le partecipanti, da Macael a Alcalá de Guadaíra.

Sabato 19 novembre, verso le otto del mattino, partiva da Macael (Almería) un gruppo di sei signore e quattro Serve per partecipare a un incontro fraterno ad Alcalá de Guadaíra (Siviglia) insieme ai laici e alle Serve di quella comunità.  Nelle tasche delle nostre valigie, e soprattutto nei nostri cuori, portavamo anche tutte quelle persone che, anche se non ci potevano accompagnare per vari motivi, sono state presenti in ogni momento.

Abbiamo potuto visitare il castello medievale di quella zona e il Santuario di Nostra Signora del Águila, dove abbiamo trascorso una piacevole serata con molte risate e buone conversazioni. Abbiamo pregato insieme il Rosario davanti all’immagine della Patrona della città, affidando a Lei tutte le nostre intenzioni.

paisvasco2nov

Quella notte “l’Aguilina”, come è familiarmente chiamata ad Alcalá, aveva preparato una sorpresa per noi. Attraverso un gioco divertente, nostra Madre ci  incoraggiò a non arrenderci mai dinanzi alle avversità, ma ad avere piena fiducia in Lei e in suo Figlio. Come già sapete, non dobbiamo staccarci da Lei fino a quando siamo arrivati alla fine.

La domenica mattina abbiamo goduto una bella passeggiata per le strade di Siviglia, anche se sotto i nostri ombrelli. Mentre la pioggia inzuppava i nostri vestiti, anche la nostra anima si inzuppava di grazie innumerevoli nel visitare posti come la Basilica della Macarena e la tomba di Sant’Angela della Croce.

Quando siamo tornate a Alcalá, ci aspettava un buonissimo pranzo preparato dai membri del Focolare della Madre, che sono stati più che generosi con noi.

Dopo il pranzo, siamo rimaste a chiacchierare un po’, per conoscerci meglio tra di noi e per condividere la nostra esperienza. Per tutte è stato difficile l’addio, perché in questi incontri sperimentiamo che il cuore si allarga e si riempie di pace.

Grazie a nostra Madre per aver reso possibile questo viaggio, e grazie a tutte le persone che ci hanno accolto a braccia aperte.

Vedi album fotografico

Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok