Menu

Notizie 2017

La vera gioia

alegria1Campo per ragazze nella casa di accoglienza Sagoatoa, a Santa Elena (Ecuador), dal 26 marzo al 2 aprile e dal 3 al 10 aprile 2017.

Con il motto “La vera gioia” abbiamo iniziato il nostro campo. A causa dell’elevato numero di ragazze iscritte siamo state costrette a fare due campi, separandole per età. Come l’anno scorso la località del campo è stato la casa di accoglienza Sagoatoa, nella provincia di Santa Elena.

In questa occasione abbiamo avuto la grazia di contare su due santi protettori che si distinsero, tra le altre cose, per la loro gioia, una gioia vera che derivava dal fare in ogni momento ciò che Dio chiedeva loro: essi erano san Filippo Neri e Suor Clare, che quest’anno ci proteggeva dal Cielo.

Oltre a questi due grandi santi che ci proteggevano, abbiamo avuto la fortuna di avere un santo diverso ogni giorno. Abbiamo imparato molte cose della vita e delle virtù di Sant’Agostino, Chiara Luce, san Giovanni Paolo II, san Massimiliano M. Kolbe... attraverso dei video che avevamo preparato. Abbiamo tenuto anche delle riunioni quotidiane di formazione, nelle quali riflettevamo sui diversi tipi di gioia; se la moda e il mondo ci danno la vera gioia; sull’impurezza; sulla Vergine Maria...

alegria2

Senza dimenticare lo scopo del campo, che è avvicinare i giovani al Signore, abbiamo fatto vari giochi sulla spiaggia, lavoretti, laboratori di astronomia, balletti, abbiamo imparato primo soccorso e buone maniere... Tutto questo in un clima di incontro con il Signore nell’orazione e nella Messa quotidiane.

Non possiamo negare che due dei momenti più importanti per molte delle ragazze sono stati il Rosario con la processione aux flambeaux che abbiamo pregato lungo la spiaggia assieme a nostra Madre, e il pellegrinaggio che abbiamo fatto al santuario di Olón. Lì ci hanno spiegato la sua storia e ci hanno raccontato che, verso la fine del XX secolo, un’immagine che avevano lì di Maria Rosa Mistica iniziò a piangere sangue. Questa fu un’idea chiave per le ragazze, visto che le fece riflettere sulla loro vita e porsi la seguente domanda: “Che cosa posso fare io per consolare il Cuore della Vergine Maria?”.

alegria3

Furono giorni di vero incontro con il Signore, nei quali molte delle ragazze hanno compreso ciò che Dio chiedeva loro, e che vale la pena vivere vicino a Lui, anche se bisogna lottare contro molti ostacoli che il mondo ci presenta.

Ringraziamo Dio per averci permesso di unirci di più a Lui in questi giorni e per avere più anime che consolino il Suo Sacro Cuore.

Vedi album fotografico

Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok