Menu

Notizie 2017

Missionari a Manabí

misionmanabi largo

Esperienza missionaria con i Servi del Focolare della Madre nel Manabí (Ecuador), dal 18 al 22 settembre 2017.

mision2chicosQuest'anno, dal 18 al 22 settembre, un gruppo di sedici giovani con due sacerdoti Servi del Focolare della Madre ha avuto un'esperienza missionaria a Río Chico, Manabi (Ecuador). Ci siamo preparati per questo viaggio durante il mese di settembre, raccogliendo fondi attraverso la vendita di cibo e rosari.

Con grande emozione, la mattina del 18, abbiamo preso il trasporto pubblico per andare da Guayaquil a Río Chico, Manabí. Siamo arrivati nel pomeriggio per partecipare ad un incontro con lo scopo di prepararci per la settimana.

Il giorno successivo siamo andati nella comunità di Zapote per iniziare l'opera di evangelizzazione. Un gruppo di noi ha organizzato un incontro per i bambini del catechismo e un altro gruppo ha visitato diverse case. Poiché la comunità di Zapote è una delle più grandi della zona, è stato necessario dividerci in gruppi a due a due per poter arrivare in tutte le case. La nostra missione principale era far conoscere ai fedeli della comunità una nuova lettera dell'Arcivescovo Mons. Lorenzo Voltolini sull'esistenza di falsi sacerdoti che traggono in inganno la gente. Alla fine della giornata, avevamo visitato tutte le case della comunità e un gran numero di fedeli hanno potuto ricevere i sacramenti della Confessione, l'Unzione degli infermi e la Comunione grazie ai Servi del Focolare.

misionchicos3

Mercoledì è stata una giornata dedicata al lavoro nella Tenuta Maria Elisabetta, a Chone. Molti dei ragazzi non avevano mai lavorato in campagna ed erano desiderosi di aiutare. Alcuni hanno aiutato all'installazione di una nuova porta del recinto per i maiali, mentre gli altri hanno lavorarono nei campi. Alla fine della giornata, mentre tornavamo a Río Chico per riposare, siamo passati provvidenzialmente vicino al cimitero dove si trova la tomba di Maria Augusta. Maria Augusta è una delle candidate morte nel terremoto con Suor Clare. Abbiamo colto l'occasione per visitare la sua tomba, dove abbiamo pregato e riflettuto. Quando uno dei Servi ci disse che era ora di partire, nessuno dei ragazzi voleva andare via. Più tardi, alcuni hanno commentato che è stato un momento di grazia per loro.

Il giovedì siamo andati nella scuola di Playa Prieta per avere un incontro con i giovani del paese. Abbiamo cominciato con una breve spiegazione di come era la scuola prima del terremoto. In seguito, c’è stato un atto penitenziale nella cappella della scuola, dopo di che il resto della mattinata è stato dedicato allo sport. Nel pomeriggio, due ragazzi, Carlos Javier e Bryan, ci hanno parlato delle sei Serve che sono morte nel terremoto dell'anno scorso. Le loro testimonianze hanno molto commosso i giovani e li hanno incoraggiati a seguire il loro esempio di donazione di sé. Infine, abbiamo celebrato la Messa nella cappella della scuola di Playa Prieta, seguita dall'esposizione del Santissimo Sacramento.

misionchicas4L'ultimo giorno è stato impressionante. La mattina, prima di ritornare a Guayaquil, ci fu la possibilità di visitare la famiglia di Valeria. Abbiamo potuto ascoltare le parole di sua nonna, che hanno molto toccato i ragazzi. Quello che più ha causato la loro ammirazione è stato l'amore di Valeria per Cristo. Lei chiamava Gesù il suo fidanzato, e si era riempita di gioia quando i suoi nonni avevano firmato l'autorizzazione dandole il loro permesso di entrare come aspirante nelle Serve del Focolare della Madre. Abbiamo anche visitato la sua tomba per pregare e riflettere.

Ringraziamo Dio per averci dato questa profonda esperienza missionaria. I giovani che vi hanno partecipato sono tornati alle loro case cambiati. Alcuni hanno preso la ferma decisione di avvicinarsi di più al Signore, seguendo l'esempio delle nostre sei sorelle defunte. Ora, questi giovani devono essere fedeli: come uno dei ragazzi ha detto la notte prima di ritornare a Guayaquil, "Questa settimana non è solamente un’esperienza". Deve diventare vita.

Vedi album fotografico



Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok