Menu

Notizie 2017

Pellegrinaggio in Perù

peru larga

Pellegrinaggio con ragazze dell’Ecuador in Perù, dal 15 al 22 settembre 2017.

peru1

Circa due o tre anni fa, le suore stavano cercando di individuare un luogo dove andare in pellegrinaggio con le ragazze. Avevano già fatto pellegrinaggi in diversi luoghi in Ecuador e, provvidenzialmente, mentre guardavano un film sulla vita di San Martin de Porres, cominciarono a pensare alla possibilità di andare in Perù.

Nacque l’idea ma, per motivi diversi, non si è potuta realizzare fino a quest’anno. Tre mesi fa, parlando di pellegrinaggi, ci siamo ricordate: “Perù!”. E così, a poco a poco, abbiamo iniziato ad organizzare diverse attività per ricavare fondi, giacché il pellegrinaggio sarebbe stato abbastanza caro. All’inizio pensavamo di andare in aereo ma, dopo aver visto i prezzi, abbiamo deciso di andare in autobus. Sono stati tre mesi intensi di attività e preparazione. Tre settimane prima di partire, le suore ci suggerirono alcuni fioretti quotidiani per prepararci bene, soprattutto sull’umiltà, una virtù che spiccava nelle vite di San Martin de Porres e di Santa Rosa da Lima. Alcune ragazze prepararono un riassunto della vita dei santi che stavamo per visitare, giochi e barzellette, tra altre cose, per il lungo viaggio.

Arrivò il giorno aspettato, 15 settembre, festa dell’Addolorata. Incominciammo con la Santa Messa, presieduta da un Servo del Focolare della Madre nel santuario di Playa Prieta. Nell’omelia ci disse quale doveva essere lo scopo della pellegrinazione: consolare il cuore della Vergine. Abbiamo affidato il nostro pellegrinaggio al Signore e a Nostra Madre.

peru2

Alle 10 arrivò l’autobus. Furono circa 40 ore per arrivare fino a Lima, la nostra destinazione. Queste 40 ore trascorsero abbastanza velocemente, poiché le abbiamo vissute come un “incontro sulle ruote”, con tempi per pregare, guardare film, mangiare, avere riunioni di formazione, cantare, dormire, ecc.

Facemmo una fermata a Chiclayo, una provincia del Perù dove nel 1649 apparve il Bambino Gesù nell’Eucaristia. Questo miracolo Eucaristico, che fu visto da centinaia di persone, ebbe luogo in un paesino molto povero, e Gesù volle andare precisamente lì, non cercando ricchezze ma piuttosto il contrario. Per alcune di noi questa visita fu una grazia e un risveglio per la coscienza, perché “Dio si rivela ai semplici”.

Arrivate a Lima, ci siamo riposate un po’. Dopo di che siamo andate a visitare il convento di Santo Domingo, dove, dai 15 anni d’età in su, è vissuto San Martin de Porres. Lì si conservano le sue reliquie, accanto a quelle di Santa Rosa da Lima e di San Juan Macías, un altro santo, spagnolo e Domenicano, che realizzò un grande lavoro d’evangelizzazione a Lima.

peru3

Nel pomeriggio siamo andati al Parco delle Acque, un posto bellissimo che manifesta le meraviglie che Dio ha fatto e come l'uomo è capace di usare la sua intelligenza per collaborare con la bellezza che Dio ha creato.

Abbiamo conosciuto delle suore bravissime. Siamo state con loro parlando e cantando insieme, e poi siamo andate a casa per riposare. Il giorno successivo siamo andate nella cattedrale di Lima, dove una guida ci ha spiegato molto bene la storia della colonizzazione e della vita di Santo Toribio da Mogrovejo, spagnolo e secondo Vescovo di Lima, morto in un paesino del Perù mentre evangelizzava. Siamo anche andate al Parco della Leggenda, simile a uno zoo, con innumerevoli specie, dai pesci a una giraffa, un esempio della varietà infinita di esseri viventi che Dio ha creato.

Abbiamo colto l’occasione anche per ringraziare le zie di Sr. Kelly, Serva del Focolare, che si sono prese tanta cura di noi e ci hanno aiutato molto a realizzare questo pellegrinaggio. Una delle sue zie è una religiosa della comunità delle Serve di San Giuseppe. Non potevamo partire dal Perù senza andare a conoscere e salutare questa comunità. Molte ragazze sono rimaste molto colpite dalla loro gioia, dedizione e amore fraterno. Ora c’è una comunità intera che prega per noi.

peru4

L'ultimo giorno a Lima abbiamo avuto la grazia di partecipare alla Messa nella Chiesa della Vergine del Rosario, dove San Martin e Santa Rosa pregavano e dove si trovano le loro reliquie. Poi abbiamo visitato le case in cui sono nati entrambi i santi, una di fronte all'altra. È stata una grazia immensa.

Dopo questi giorni e tutto quello che abbiamo visto e imparato, va sottolineato il grande lavoro di evangelizzazione degli spagnoli in Perù e in tutta l’America Latina. La colonizzazione avvenne tra luci e ombre, ma il bene che si realizzò fu molto maggiore, poiché i missionari ci portarono la fede e la conoscenza della dignità umana che prima non erano valutate. Abbiamo conosciuto dei santi che hanno dato la loro vita fino alla morte in queste terre, ma ci sono molti missionari che non sono ancora conosciuti, morti in mezzo della giungla per portare Cristo alla gente.

Una delle suore costantemente ci esortava a non essere come dei palloncini (gonfi -cioè entusiaste- dopo ogni pellegrinaggio, ma passata una settimana di nuovo per terra e senza la voglia di combattere per vivere bene la fede) ma di essere forti, e, anche quando dobbiamo affrontare situazioni difficili, rimanere ferme e fedeli agli impegni presi durante il pellegrinaggio. Non è più il momento di giocare con la vita spirituale, è l’ora di vivere in modo tale che se il Signore ci chiamasse, ci possa trovare pronte. Ora abbiamo alcuni umili amici in Paradiso che sicuramente ci aiuteranno.

Vedi album fotografico



Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok