Menu
Categoria: Novembre

aprended larga

Incontro per i laici del Focolare della Madre a Valencia (Spagna), 11 novembre 2018.

aprended1

Domenica 11 novembre abbiamo avuto il primo incontro LHM dell'anno, una grande opportunità per "ricaricare le batterie spirituali". È stato nel Monastero della Santissima Trinità, dove le Serve del Focolare di Valencia vivono da alcuni mesi. Dopo un momento di benvenuto a coloro che stavano arrivando, abbiamo iniziato con un'Ora Santa nella chiesa, presieduta da Padre Félix. Il tema degli spunti di meditazione era "il desiderio", e in particolare "il desiderio di amare Dio". Il Padre ha preso come supporto gli scritti di Santa Teresa di Gesù e Santa Teresina. Ci ha esortato ad avere grandi desideri nella nostra vita spirituale, a desiderare di raggiungere una grande santità, non sostenuti dalle nostre forze, ma dalla grazia di Dio e dal Suo desiderio - più grande del nostro - di essere santi. Non dobbiamo cadere nello scoraggiamento, perché il diavolo ci induce a guardare la nostra debolezza così da abbandonare la lotta e da arrenderci. Invece il Padre ci ha incoraggiati ad avere una grande fiducia in Dio, una fiducia che arrivi fino all'audacia, come un bambino che si lancia in aria dal divano senza nemmeno avvisare, sicuro che suo padre lo prenderà e non lo lascerà cadere. Ci siamo interrogati su quale sia il nostro desiderio, su che cosa vogliamo più di ogni altra cosa o su che cosa chiederemmo se qualcuno potesse esaudire un nostro desiderio. Certamente il più grande desiderio non può essere altro che amare Dio con la più grande perfezione possibile.

aprended2

Successivamente, abbiamo tenuto una riunione sull'umiltà, una virtù essenziale perchè Dio possa agire in noi. Come diceva S. Teresa, l'umiltà è il fondamento di tutta la vita spirituale, è come il fondamento di un edificio e, più profonde sono le fondamenta, più solido e alto può essere l'edificio. Nella vita spirituale, maggiore è l'umiltà, più grande è la santità. Con poca umiltà, poco può essere costruito. P. Félix ci ha ricordato come Gesù si è posto come modello proprio di questa virtù: "Imparate da Me, che sono mite e umile di cuore". E qualcosa che aiuta a crescere nell'umiltà è meditare sulla Passione di Gesù, in cui vediamo come il nostro Salvatore si è umiliato in modo ammirevole e ci ha dato un esempio di come dobbiamo agire. Si è parlato del fatto che l'umiltà non è in contrasto con l'occupare posizioni importanti, a condizione che sia fatto con spirito di servizio e con una giusta intenzione e motivazione. Non significa nemmeno avere uno spirito timido e pusillanime, o non riconoscere i talenti che uno ha. Si tratta di "camminare nella verità", come diceva Santa Teresa, che è riconoscere che io non sono nulla da me stesso, e che se faccio o possiedo qualche bene è sempre per grazia di Dio. Siamo poveri servi che fanno il loro dovere con l'aiuto del Signore. Ci sono stati anche alcuni esempi di come l'umiltà sia strettamente legata alla carità ed è necessario viverla nelle famiglie: non voler avere sempre ragione, ma ascoltare gli altri, perdonando e riconoscendo i nostri errori, avendo un atteggiamento di servizio, ecc.

È arrivata l'ora del pranzo e abbiamo potuto farlo all'aperto, perché era una bella giornata, condividendo tutto ciò che avevamo portato, cosicché è stato un pasto "molto buono" in tutti i sensi. Un ringraziamento va alle ragazze che, oltre ad aver avuto i loro momenti di gioco e di preghiera, hanno preparato delle ottime pizze per il pranzo. Questo momento è stato buono per conoscersi, perché c'erano persone di diversa provenienza. Alle 16 abbiamo pregato il rosario con canti, camminando attraverso il bellissimo chiostro del monastero. Ringraziamo i sacerdoti che hanno confessato senza sosta tutti quelli che volevano, sia al mattino sia durante tutto il rosario. L’incontro si è concluso con la celebrazione dell'Eucaristia, il momento più importante della giornata. P. Félix ha parlato nell'omelia dell'apertura a Dio e della necessità di darGli sempre quello che ci chiede e non qualcos'altro, non darGli meno di quello che ci chiede, e di non porre limiti alla nostra generosità. È triste "negoziare" con il Signore per non volerGli dare quello che ci chiede, quando ciò che Egli vuole è darci di più e se ce lo chiede è per la nostra più grande felicità.

 Vedi album fotografico

Suor Clare

Hermana Clare

Sono tornato in seminario

David Donaghue (Inghilterra): Stavo per lasciare il seminario. Vedendo la testimonianza di Sr. Clare ho ricevuto una grande grazia e sono tornato in seminario. Con la grazia di Dio, sarò ordinato sacerdote il 20 luglio 2019.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok