Menu

Rivista H.M.La Rivista H.M. è una pubblicazione bimestrale in cui troverai tutto ciò che stavi cercando: Interviste, iniziative, testimonianze, formazione, notizie, Papa Francesco, vita...

Categoria: Esperienze

bienaventuradoslospobresBeati i poveri perqué di essi é il Regno dei Cieli

Di Sr. Paqui, S.H.M.

Era la fine dell’anno 2012 e stavamo assistendo alla Messa delle 7.00 di mattina nella Chiesa della Mercede di Portoviejo. Prima di iniziare la Messa Sr. Ruth Maria richiamò la mia attenzione su una nonnina incantevole, di quelle delle fiabe. Avrà avuto novanta e passa anni, camminava molto curva, i capelli canuti, occhi molto vivi e un sorriso di bambina. Era accompagnata da un uomo più giovane di lei, ma pure anziano, pensavamo che fosse suo figlio. Tra di noi commentammo che ci immaginavamo così l’indio Juan Diego: era molto scuro di pelle, con un aspetto molto umile e semplice, aveva pure un qualcosa “di bambino”.

Conclusa la Messa la gente se ne stava già andando, e quest’uomo si avvicinò al sacerdote e gli disse qualcosa. Allora il sacerdote disse a voce alta: “Mi ero dimenticato. Facciamo un grande applauso a…. che compie 98 anni”. La nonnina, molto lentamente, arrivò fino al sacerdote e gli tendeva le braccia per dargli un abbraccio. Il sacerdote, con moltissimo affetto l’ascoltava e le dava dimostrazioni di affetto.

Era il momento del rendimento di grazie, ma riconosco che mi ero distratta per guardare questa scena così tenera tra la nonnina e Padre Vicente.

Alcuni momenti dopo il sacerdote si avvicinò a noi per farci gli auguri di Natale, veniva visibilmente emozionato e ci raccontò la conversazione che aveva tenuto con la nonnina.

Ella gli aveva raccontato che normalmente non può andare a Messa, perché è anziana e ammalata, ma che sempre ascolta la messa per televisione.

Al momento dell’offertorio ella mette ogni settimana in un sacchetto di plastica alcuni centesimi da parte sua e altri da parte di suo nipote (era l’uomo che la accompagnava), e alla fine dell’anno porta tutto ciò che ha potuto raccogliere al sacerdote per le necessità della parrocchia.

Non credo che economicamente ci fosse molto denaro nel sacchetto, ma penso che in realtà era molto, molto pieno di grande generosità, pieno d’amore verso il Signore e verso la Chiesa, pieno di spirito di sacrificio. Come non ricordare il passo evangelico della vedova che diede tutto quanto aveva?

La nonnina se ne andò molto contenta, lasciò gioia nel cuore del sacerdote, nel cuore delle suore e nel cuore di Dio.

Sicuramente c’è più gioia nel dare che nel ricevere. Beati i poveri… perché di essi è il Regno dei Cieli.

Non si tratta tanto della povertà materiale di questa nonnina, che solo a semplice vista era evidente, ma della sua povertà spirituale, del suo totale distacco da quel poco che aveva.

Quando si vede qualcuno cui manca persino il necessario, ma che è così capace di distaccarsi da quel poco, questo richiede un esame di coscienza affinché possiamo scoprire “le nostre ricchezze”, che non sono altro che le miserie che impoveriscono la nostra anima e intristiscono il Signore e noi stessi.

Chiediamo luce al Signore affinché ce le faccia vedere, ci dia la forza per consegnarle, e, se ci manca questa forza, chiedamo. Gli che Egli stesso ce le tolga e ci faccia veramente poveri, affinché il Regno dei Cieli sia anche nostro.

©Rivista HM Nº 181 Novembre-Dicembre 2014

Suor Clare

Hermana Clare

Sono tornato in seminario

David Donaghue (Inghilterra): Stavo per lasciare il seminario. Vedendo la testimonianza di Sr. Clare ho ricevuto una grande grazia e sono tornato in seminario. Con la grazia di Dio, sarò ordinato sacerdote il 20 luglio 2019.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok