Menu

Rivista H.M.La Rivista H.M. è una pubblicazione bimestrale in cui troverai tutto ciò che stavi cercando: Interviste, iniziative, testimonianze, formazione, notizie, Papa Francesco, vita...

Mercatino di signore

mercadillo3

Un gruppo di signore, da alcuni anni, in modo volontario, ha iniziato a confezionare cuscini: dedicano il loro tempo e i loro talenti a confezionare cose veramente bellissime per poi venderle nei vari mercatini che sono organizzati dal comune, da confraternite e da associazioni particolari. Lo fanno quando fa freddo o un caldo estremo, quando si vende molto o quasi nulla, quando sono più o meno stanche.

Iniziano fin dalle prime ore del mattino, nelle quali con le loro auto piene di materiali e con i tavoli si recano sul luogo del mercatino e iniziano a montare il posto vendita, e fino all’ultima ora del pomeriggio sono sempre sul posto di battaglia, facendo i turni per poter andare a Messa, visto che molti mercatini sono di domenica, o per prendere un caffè e per scaldarsi.

Mentre alcune vendono, altre sullo stesso posto continuano a cucire cappellini, vestitini di lana o qualunque cosa sia necessaria. E tutte indossano un grembiule sul quale c’è scritto Focolare della Madre, e un cartello sul tendone dice: “Aiuta i più bisognosi”.

mercadillo

E tutte le cose da vendere quando le fanno? In vari giorni della settimana, durante tutto il pomeriggio, alcune di loro si riuniscono in casa della responsabile del gruppo, il resto in modo individuale nelle proprie case tra i lavori quotidiani, mentre pregano il rosario o vedono le notizie, o la sera prima di andare a dormire. Grazie alla generosità di alcune persone, e concretamente di un negozio di stoffe, ottengono pezzi di tela, bottoni, ganci, lana, addobbi, insomma gran parte del materiale che usano nel fare cose veramente impressionanti.

La generosità e il lavoro per il bene degli altri non lascia indifferenti, e attualmente ci sono infermiere che collaborano vendendo questi prodotti alle madri dei bambini ricoverati in pediatria, o confezionando vestitini di lana nel loro tempo libero, affinché le signore li vendano poi sui mercatini. C’è anche una signora malata di cancro che, per riconoscenza all’aiuto materiale che riceve dal ricavato dei mercatini, vende a Sivigilia tutte le cosette che può. Un’altra lo fa tra le mamme dei suoi bambini di catechismo, e persino da Parigi hanno chiesto loro delle cose attraverso i familiari delle signore. Nell’anno appena trascorso hanno ottenuto un totale di 7706,41 euro, dei quali 2300 sono stati destinati all’Ecuador e il resto per aiutare mensilmente con alimenti 8 famiglie di qui. Sono contentissime di poter realizzare questo lavoro e di vedere quanto bene sta facendo a loro stesse e a tutti quelli che, in Ecuador e qui, stanno ricevendo un beneficio dalla loro generosità.

©Rivisti HM; º192 Settembre-Ottobre 2016

RIV

Suor Clare

Hermana Clare

Tutto il tempo con emicranie

Carolina Aveiga : Spesso io faccio la vittima e devo imparare da suor Clare.

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok