Menu

Rivista H.M.La Rivista H.M. è una pubblicazione bimestrale in cui troverai tutto ciò che stavi cercando: Interviste, iniziative, testimonianze, formazione, notizie, Papa Francesco, vita...

Vita Spirituale

Sì, allora…CREDETELO!

testingDi Sr. Miriam Loveland, SHM

Attraverso il Battesimo ogni cristiano è stato incorporato nella missione evangelizzatrice della Chiesa, che continua nel tempo la missione stessa di Cristo. Se Gesù è “venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Giovanni 10, 10), questa stessa è la ragione d’essere anche della Chiesa, di ogni battezzato.

Siamo chiamati ad essere un altro Cristo nel mondo, donandoci nell’obbedienza alla volontà di Dio, e da Dio a tutti gli uomini. Il cristiano che non vive per dare vita agli altri, ha tradito la sua ragione stessa d’essere. Ci sono molti modi per portare a termine questa missione di dare vita, ed è imprescindibile che ognuno si metta in ginocchio davanti al Signore per chiederGli in che modo deve incarnare il volto di Cristo. Ma, oltre alle indicazioni particolari che il Signore ispira a ognuno, ci sono molti aspetti più generali applicabili a ogni cristiano. La prima lettera di San Pietro ci indica uno di essi: “... adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi” (1 Pietro 3, 15). Richiama la nostra attenzione sull’importanza di poter dare risposta a coloro che ci domandano ragione della nostra speranza, la ragione del perché viviamo in modo diverso dagli altri.

credetelo

Al giorno d’oggi è sempre più ampio il numero di persone che non hanno la più pallida idea di che cosa insegna la Chiesa. Molti non hanno mai sentito parlare bene di Gesù o della Chiesa, e ancor meno hanno ricevuto catechismo, una presentazione della fede. È vero che è necessario predicare con la vita intera, ma senza neppure dimenticare che questo comprende anche il farlo attraverso la ragione, il poter presentare la fede come qualcosa di ragionevole e colmo di risposte e di speranza. Dice il numero 21 della Gaudium et Spes che “la Chiesa sa perfettamente che il suo messaggio è in armonia con le aspirazioni più segrete del cuore umano”. Questo dovrebbe riempirci di entusiasmo per poter offrire agli uomini ciò che desiderano maggiormente, ciò cui maggiormente anela il loro cuore. Non dovremmo aver paura: siamo convinti della verità di ciò che professiamo.

si cree2

Per questo c’è la necessità urgente di formarsi bene. “Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?” (Lc 18, 18). Questa è la domanda rivolta a Gesù da un uomo che cercava di trovare la strada per arrivare in Cielo. Chiese a Gesù perché percepiva che era un uomo diverso dagli altri, capace di rispondergli. Ma che cosa succede in una società in cui una grande quantità di persone ormai non sa neppure che la meta della propria vita è il Cielo? E neppure sa interrogarsi sulle questioni più esistenziali della propria vita? Anche se l’uomo di oggi non si fa domande sul Cielo, il suo cuore continua ad essere uguale a quello di duemila anni fa. Continua con lo stesso anelito di incontrare l’amore che tutto lo riempie, un amore che perdona e che salva. La sfida è chiara. Il cristiano deve vivere in modo tale che coloro che sono attorno a lui lo percepiscano come qualcuno di diverso, un faro in mezzo al buio. E allo stesso tempo deve essere sempre disposto a dare ragione della sua speranza.

Con il proposito di aiutare in questa formazione, nei prossimi numeri della nostra rivista presenteremo alcuni articoli che ci possono servire come punto di riferimento per approfondire assieme alcuni temi che le persone sono solite domandare e come dare risposta a quegli interrogativi.

©Rivista HM; nº196 Maggio-Giugno 2017

Suor Clare

Hermana Clare

Cose da fare prima possibile

Un breve scritto di Suor Clare a una giovane di cui era guida spirituale. Solo alcune brevi, ma incisive parole. Cinque consigli e un...

Reti sociali

Cerca

Choose Language

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok