Menu
Categoria: Gennaio

hth larga

Dal 15 al 19 gennaio abbiamo ricevuto nelle diverse comunità dell’Ecuador la visita della fondazione HTH (Help the Helpless).

reyesalcala1

Ciò che potrebbe essere stata una visita “formale” di supervisione dei progetti nei quali ci hanno aiutato, è stato realmente un incontro di famiglia. Fin dal primo momento li abbiamo sentiti vicinissimi. Non era meramente ricevere dei benefattori, il cui aiuto è economico, ma ricevere dei collaboratori, partecipi diretti di tutto il bene che si sta facendo nel nome del Signore, che è infintamente misericordioso e buono con tutti, e che manifesta quella bontà anche attraverso questi buoni amici di HTH, che si sono fatti in quattro in modo incredibile nell’aiutare i più bisognosi.

La visita è iniziata a Guayaquil. Siamo stati nelle due scuole dove le suore collaborano tenendo lezioni: la Consolata e la Trintaria. In quest’ultima scuola abbiamo potuto visitare la mensa per bambini, dove ogni giorno molti bambini poveri ricevono gratuitamente il pranzo. Lì è stato particolarmente toccante il momento della consegna di una sedia a rotelle a un bambino con paralisi. Ascoltare le sue “grida” di gioia ripagava in abbondanza qualunque sforzo. Abbiamo visitato anche la parrocchia di Loreto, che dopo molti sforzi sta diventando molto bella, anche se c’è ancora tanto da fare.

playacole2

La destinazione successiva è stata Chone. Le suore ci hanno accolto con un “caloroso” benvenuto. I membri di HTH arrivavano dal Minnesota con 10 gradi sotto zero, e si trovavano ora a Chone con un caldo torrido. Era impressionante vedere lo spirito con cui hanno vissuto questo sacrificio, senza alcuna lamentala e anzi con gioia. Lì hanno potuto visitare famiglie che sosteniamo e che possono sussistere grazie agli aiuti di HTH, e persone che hanno ricevuto una casa dopo averla persa per il terremoto. Era commuovente vedere l’incontro di entrambe le parti, di coloro che ricevono l’aiuto e di coloro che lo danno. Un incontro di misericordia, nel quale le difficoltà della lingua sono superate da un vero sentimento di amore riconoscente. Molto fruttuosa è stata anche la visita alla Tenuta Maria Elisabetta. Un po’ alla volta si stanno sviluppando progetti agricoli e di allevamento e si dà lavoro a varie famiglie. Preziosissima è stata la presenza di Rafael, che con lo spirito intraprendente che lo caratterizza spiegava i vari progetti, creando tra lui e i nostri amici di HTH un vero legame di affetto e di collaborazione.

guayaweb

L’ultima meta della visita è stata Playa Prieta. Anche lì le Serve e i Servi con grande gioia si erano preparati per questo incontro. Lacrime di emozione nell’incontrarsi con quelle persone delle quali il Signore si è servito per innalzare una bellissima scuola, che è nella sua totalità un santuario nel quale si percepisce la presenza di nostra Madre. Tutta l’Unità Educativa si è fatta in quattro per mostrare il suo affetto e la sua gratitudine. Si sono potuti incontrare con alunni con borse di studio, e hanno avuto l’opportunità di tenere una riunione nella quale li hanno entusiasmati affinché si sforzino nella vita per ottenere mete grandi umanamente e spiritualmente. Hanno visitato anche le famiglie che sosteniamo e la parrocchia di Riochico, la cui Chiesa non è ancora stata ricostruita ma nella quale i Servi stanno facendo un immenso lavoro di apostolato spendendosi per le anime.

Abbiamo concluso di nuovo a Guayaquil, con il cuore colmo di gioia e di gratitudine. È stata molto più di una visita, è stato rafforzare dei legami che già esistevano, ma che nel farsi “carne” con questa visita si sono stretti molto di più. GRAZIE! GRAZIE! GRAZIE!

Che il Signore, che non si lascia mai vincere in generosità, dia a ognuno di questi amici ciò di cui hanno bisogno, e che un giorno ci permetta di trovarci in modo definitivo in Cielo.

Vedi album fotografico-Chone



 

Vedi album fotografico-Chone

Vedi album fotografico-Guayaquil

Suor Clare

Hermana Clare

Storia di una confessione ben fatta

Mi dispiace, Gesù. Non lo farò più.

Reti sociali

Cerca

Choose Language