Menu
Categoria: Aprile

campamentochicos larga

Campo estivo per ragazzi a Guayaquil (Ecuador), dall’8 al 15 aprile 2018.

campaguayaquil1

Quest’anno abbiamo avuto un considerevole aumento di partecipanti al Campo HMJ per ragazzi di Guayaquil: l’anno scorso ci furono 33 partecipanti, e quest’anno il loro numero è salito a 71. Grazie a Dio abbiamo avuto un gruppo di animatori per poter lavorare con tanti ragazzi. Quest’aumento è dovuto al fatto che sono venuti vari ragazzi delle due scuole dove lavorano le Serve del Focolare della Madre: la “Consolata” e “Matilde Amador”. Molti di loro hanno fatto un grande sforzo vendendo biglietti della lotteria per raccogliere fondi e poter partecipare al campo.

Padre Rafael ci ha dato il motto per il campo, “Dire di sì a Dio che parla”, e indicato i santi protettori, San Francesco e Santa Giacinta Marto, i pastorelli di Fatima. Abbiamo avuto il campo nello stesso luogo dell’anno scorso: nel Triunfo, in una tenuta chiamata “Pedacito de Cielo”.

L’abbiamo iniziato domenica 8 aprile, Festa della Divina Misericordia. Siamo arrivati alla tenuta nel pomeriggio con due pullman pieni di ragazzi. Per organizzarci ci siamo divisi in undici squadre, in onore degli 11 apostoli che furono fedeli al Signore. Poi abbiamo distribuito le magliette del campo e abbiamo celebrato la Messa.

campaguayaquil2

Il giorno successivo, lunedì, abbiamo avuto un atto penitenziale con P. Dominic, P. José Javier e P. Joseph per tutta la mattina. I ragazzi ne hanno approfittato per confessarsi per cominciare bene il campo in grazia di Dio.

Nel corso della giornata i ragazzi hanno avuto tempo per la piscina, lo sport, i compiti e i giochi notturni. Quest’anno abbiamo introdotto un nuovo gioco che si chiama “Jugger Ball”. Nel gioco ognuno ha la propria arma: spade, scudi, una catena, ecc. Le armi erano fatte di tubi di PVC, isolante e nastro adesivo. I ragazzi si sono divertiti molto attaccando con le loro armi la squadra avversaria. Ogni squadra ha fatto anche una camminata sino ad un villaggio che si trova a 30 minuti dalla fattoria e di lì siamo saliti su una montagna; abbiamo portato i panini per pranzo e ci siamo bagnati nell’acqua fredda del fiume.

Per incoraggiare i ragazzi ad essere generosi nel campo, P. Joseph aveva preparato un gioco virtuale. L’obiettivo era che ogni squadra trovasse la propria spada per portarla all’altare dove c’era il Santo Graal. Tutti i giorni le squadre si sono riunite per informarli dei punti che conquistavano praticando le virtù, e dei punti negativi che perdevano per i vizi.

guayaquil3

Quanto al lato spirituale, le riunioni dei piccoli erano incentrate sulla Preghiera, il Battesimo, l’Eucaristia, l’Inferno e il Paradiso. Per i più grandi si è trattato di Apologetica, su come rispondere al mondo e ai protestanti. Ogni meditazione del mattino parlava della vita di un santo, per esempio: San Francesco e Santa Giacinta Marto, San Paolo, i Martiri dell’America del Nord (Santo Isaac Jogues e San Jean de Brébeuf), ecc. Oltre alle riunioni e meditazioni, abbiamo pregato il Rosario e avuto la Messa tutti i giorni.

Anche i ragazzi hanno avuto molte piacevoli grazie, c’è stato anche un gruppo che è passato attraverso la malattia, alcuni con febbre e vomito. I ragazzi sani hanno reagito bene aiutando e accudendo ai malati della propria squadra, portando loro zuppa, medicine, panni umidi, ecc.

Siamo molto grati alla squadra di cuoche che ci ha preparato da mangiare con tanto amore e sapore. E anche a Xavier che ci ha aiutato a fare la spesa tutti i giorni.

L’ultima sera abbiamo acceso un falò condividendo le grazie ricevute al Campo. Molti hanno detto che ciò che più è piaciuto loro sono state le meditazioni, le riunioni e la Messa quotidiana. Attorno al falò abbiamo cantato alla Vergine Maria “No te vaigas” (“Non te ne andare”), la canzone preferita del Campo, che i ragazzi hanno cantato con molta forza. Dopo il falò ogni squadra ha fatto una scenetta.

Nell’ultima Messa 30 ragazzi sono entrati nel Focolare della Madre della Gioventù! È stata una grande gioia vederli rispondere alla chiamata di nostra Madre. Preghiamo affinché siano costanti nei loro impegni, essendo questo il “regalo che il Signore desidera fare a Sua Madre.”

Ver álbum de fotos

Suor Clare

Hermana Clare

I sussurri del demonio

Le tue costanti paure su quello che potrebbe pensare la gente di te, ti paralizzano.

Reti sociali

Cerca

Choose Language